tornano i concerti jazz alle Vie Nuove

Pronto a festeggiare il suo XV compleanno, il burattino più musicale d’Italia, con ormai più di trecentocinquanta concerti alle spalle, riparte con una serie di novità e un cartellone fresco, finalmente nutrito di veri giovani talenti, per lo più inediti, tra i quali ovviamente non mancheranno anche le grandi firme internazionali. A partire dal 1 novembre dunque, con il concerto dedicato a Tina Modotti del quartetto di Francesco Bearzatti, come da storia, Associazione Vie Nuove, prediligendo contemporaneità e dinamismo, presenta tutti i sabato sera, più alcuni preziosi venerdì, un programma prestigioso, davvero per tutte le tasche (dai 6 ai 10 euro come costo massimo con riduzione studenti a 5 euro), rigorosamente riservato ai soci Arci-Uisp. Pinocchio segnala inoltre la nuova collaborazione, quella con la Free Stroke Drum School, per alcune clinic di batteria e dintorni (la prima sarà il 22 nov) ed un’immagine grafica completamente rinnovata grazie alle splendide immagini create appositamente per Pinocchio da Francesco Chiacchio, giovane artista e illustratore, già pubblicato da prestigiose case editrici come Coconino Press e Orecchio Acerbo.

Quest’anno si partirà (sab 1 nov) con la presentazione di uno dei lavori più apprezzati della stagione, Suite for Tina Modotti, firmata dal quartetto Tinissima del sassofonista Francesco Bearzatti. Insieme al sassofonista friulano, oltre a Zeno De Rossi alla batteria e Danilo Gallo al basso, anche il talentuoso trombettista Giovanni Falzone. Dalle sonorità targate ital-mex , piene di suggestioni ed eleganti virtuosismi, dedicati alla fotografa messicana di origini friulane, si passerà (sabato 8 nov) all’omaggio a Eric Dolphy, nell’80° anno dalla nascita, che Dolphiana, uno stellare organico di sei elementi, presenterà in anteprima per la città di Firenze. Sabato 15 novembre poi, il grande ritorno in solo pianoforte del maestro Franco D’Andrea, pluripremiato negli anni per il suo personale studio musicale dedicato a Monk, protagonista di recente di Jazz Pianist, il documentario di Andreas Pichler e assente dal palco del Pinocchio ormai dal 2003. Venerdì 21, il primo dei fuori programma di questa stagione, con un’altra solo performance, quella del chitarrista Paolo Angeli, sardo non a caso, che farà rivivere Fred Frith & Bjork con la sua chitarra modificata, che ha incantato Pat Metheny e il mondo intero. (serata in collaborazione con la rassegna sulle minoranze linguistiche Ubi Maior, Minor NON Cessat). Sabato 22 poi, doppio appuntamento con la clinic pomeridiana a cura di Free Stroke insieme a tre giganti del panorama Usa come Bill O’Connell, Kim Plainfield e Lincoln Goines, che la sera saranno ovviamente anche in concerto. Sabato 29 novembre un’altra vulcanica presenza con il gruppo di Santino Spinelli, alias Alexian: presenza scenica e carisma musicale fuori dalla norma, per uno degli artisti di origini rom più appassionati e imprevedibili della scena contemporanea. Si dice un vero prodigio! A Dicembre Pinocchio ospiterà inoltre il Down Town trio del chitarrista Roberto Cecchetto, insieme a G. Maier e Michele Rabbia (sabato 6 dic); il quartetto del trombettista Giovanni Amato (sabato 13 dic) e la grande chiusura 2008, sabato 20 dicembre,con il quartetto di uno dei più interessanti sassofonisti della nuova generazione, l’americano Dan Kinzelman, voluto da Enrico Rava nel suo gruppo Special Edition. Inizio concerti ore 22. La rassegna di Vie Nuove continua a ritagliarsi un ruolo importante in quello che è lo scenario nazionale nel panorama della musica dal vivo, registrando un’attenzione in aumento, quella che in questi anni è stata regolarmente registrata, che è senza dubbio figlia anche di un ottimo lavoro di ricerca ed archivio, che si appoggia ovviamente su una grande passione e coordinamento, nonché su una continua voglia di confronto tra risorse e culture.

http://www.nove.firenze.it/vediarticolo.asp?id=a8.10.28.22.29

tornano i concerti jazz alle Vie Nuoveultima modifica: 2008-10-31T16:33:28+01:00da uhjazzjebell
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento